Tornimparte

Piazzale intitolato a minatori morti

Commemorati a Caiazzo (Caserta) i due minatori Pietro Angelone e Pasquale Colangelo di Castelvecchio Subequo (L'Aquila), che erano morti il 21 maggio 1957 durante i lavori nella galleria denominata 'Spoleto', nel tratto ferroviario Napoli-Piedimonte, in seguito ad un'esplosione di grisù: nel corso di una cerimonia l'amministrazione comunale di Caiazzo ha intitolato il piazzale della propria stazione ferroviaria e deposto una lapide a ricordo delle due vittime. Alla cerimonia sono intervenuti i familiari dei due minatori, i due sindaci, Tommaso Sgueglia di Caiazzo e Pietro Salutari di Castelvecchio Subequo con le rispettive amministrazioni; i rappresentanti della Prefettura di Caserta e dell'Ente Autonomo Volturno (EAV), gestore dei servizi ferroviari. Numerose le testimonianze di memoria da chi ha vissuto quei tragici giorni. In quel periodo erano numerosi i minatori di Castelvecchio Subequo che lavoravano in quella galleria ferroviaria ed abitavano proprio nel centro campano con i propri nuclei familiari.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie